“Motel”: John Cusack e Robert De Niro in un noir scolastico

MotelUn noir scolastico, quello che l’esordiente su grande schermo David Brovic porta sugli schermi scegliendo John Cusack come protagonista e Robert De Niro come comprimario di lusso. Il film esce nelle sale il 26 febbraio.

In un motel sperduto da qualche parte nel Sud degli Stati Uniti Jack (Cusack) deve svolgere una curiosa missione: reperire una misteriosa borsa al cui interno chi guarda muore. Sono questi i termini del patto con il “datore di lavoro”, il gangster chiamato Dragna (Robert De Niro). Jack è un uomo di cui fidarsi, sa compiere i lavori giusti senza esitazione, ecco perché è stato scelto. Mantenere la parola, evitando di scoprire il contenuto della borsa, è in fondo una prova di affidabilità “professionale”. Una volta giunto nel motel del titolo  (anche se quello originale è “The Bag Man”), Jack scoprirà di dover superare diversi ostacoli, per lo più pericolosi per la sua vita: una coppia di gangster papponi, alcuni poliziotti dai modi un po’ troppo spicci, un tenutario di motel alquanto impiccione e una bella prostituta  di nome Rivka (Rebecca Da Costa, carisma non reperito ma corpo mozzafiato), che fugge dai papponi di cui sopra. Per svolgere la missione affidatagli, Jack dovrà far scorrere parecchio sangue. Per poi trovarsi di fronte a un “colpo di scena” non preventivato.

Un noir che si accomoda giudiziosamente entro i canoni dei genere, questo di Grovic il quale firma regia ma anche sceneggiatura della pellicola, adattata dal romanzo “La gatta” di Marie-Louise Von Franz. Gli elementi di un noir ci sono tutti: un uomo cupo e tormentato (Jack ha una ferita esistenziale cui non accenniamo), un manipolo di gangster distribuiti in ruoli assortiti, poliziotti duri, l’immancabile “pupa” e un oggetto attorno al quale ruota la storia (la borsa). Tutto, infine, si svolge in una notte, in uno spazio ristretto tra il motel, il bosco circostante e la lingua di strada che porterebbe i nostri anti-eroi via dal pericolo . É proprio l’ambientazione a rendersi elemento suggestivo del film: di contro gli eventi narrati (soprattutto l’epilogo non esattamente imprevedibile) e le interpretazioni  – per lo più d’inerzia  – dei due attori più noti del cast Cusack e De Niro si guadagnano il dimenticatoio. A stupire, piuttosto, è  Rebecca Da Costa, la cui bellezza viene abilmente declinata in chiave ordinaria: sul fronte della tensione interpretativa, l’attrice brasiliana si rivela invece una perfetta “pupa in pericolo”, dai reconditi segreti.

Ferruccio Gattuso

Motel
Regia: David Grovic
Cast: John Cusack, Rebecca Da Costa, Robert de Niro
Distribuzione:  Barter Entertainment
Uscita nelle sale:  26 febbraio
Voto: 6/10

motel_us

 

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Pin It on Pinterest