“Per amor vostro”: Valeria Golino meritata Coppa Volpi nel film di Giuseppe M. Gaudino

per amor vostroMeritatissima Coppa Volpi per la migliore interpretazione a Valeria Golino, per quello che senza dubbio è uno dei migliori ruoli da lei interpretati. Dietro la macchina da presa, Giuseppe M. Gaudino. Inutile sprecarsi nella cronaca ampiamente diffusa dal Festival di Venezia (basti accennare ai nove minuti di applausi riscossi in sala a fine proiezione): forse il film del regista partenopeo non è un’opera originalissima, ma dà modo alla Golino di brillare all’interno di un personaggio anti-carismatico, eppure ipnotico. La dolce e pura Anna al centro di “Per amor vostro” – dal 17 settembre nelle sale – rimanda ad altri ruoli storici del cinema: il pensiero corre, per fare solo un esempio, alla Olivia de Havilland de “La porta d’oro”, e stiamo parlando di un film del 1942.

Anna è madre di tre figli teenager (due ragazze e un ragazzo, quest’ultimo sordomuto) e moglie di un  uomo aggressivo ed egoista, Gigi  (Massimiliano Gallo), invischiato in traffici poco onesti. Quando finalmente riesce a conquistarsi un lavoro ben pagato come suggeritrice di battute sul set di una telenovela made in Napoli, la donna affronta il marito e gli fa presente che può andarsene. Gigi non ci pensa proprio: ha più di un motivo per restare tra quelle quattro mura. Intanto, Anna si scopre sorprendentemente al centro delle attenzioni del divo protagonista della telenovela, l’attore Michele Migliaccio (Adriano Giannini), che le chiede di uscire insieme. Per lei è un raggio di luce a rischiarare un’esistenza complicata: oltre al figlio disabile e al rapporto devastato col marito, la donna si preoccupa per le sorti di un amico di famiglia in difficoltà finanziarie (Salvatore Cantalupo) e per il fratello inconcludente (Massimo De Matteo), sempre disoccupato, e per al cui posto ha passato quattro anni di riformatorio, addossandosi una colpa non sua.

La vita appare ad Anna come un alternarsi tra una dura realtà (rappresentata suggestivamente da Gaudino da un simbolico bianco e nero, con fotografia efficace di Matteo Cocco) e una potente immaginazione (rappresentata a colori, spesso in situazioni oniriche in cui il potere dell’acqua incombe come fosco presagio). La musica completa il quadro con invadenti parentesi di musica folk, a suggerire come la parabola di Annarè, come Anna viene chiamata da amici e parenti, sia una sorta di ballata popolare. La componente di realismo magico di sapore sudamericano è una scelta ardita del regista, personale e a nostro avviso non determinante, e comunque non così potente  da trasformare in qualcosa di originale una storia che ha invece molto del tradizionale.

Ferruccio Gattuso

Per amor vostro
Regia: Giuseppe M. Gaudino
Cast:  Valerina Golino, Adriano Giannini, Massimiliano Gallo
Distribuzione:  Officine Ubu
Uscita nelle sale:  17 settembre
Voto: 7/10

peramorvostro

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.