“Natale all’improvviso”: buonismo d’oltreoceano con un cast stellare

Il vero regalo di Natale, diciamolo, sarebbe ricevere un magico filtro, ad uso e consumo dello spettatore, per setacciare i vari titoli a tema natalizio ogni anno puntuali nelle programmazioni cinematografiche. Per selezionare il Buono, e gettare il Cattivo. Purtroppo, non si può.

“Natale all’improvviso”  – nelle sale dal 26 novembre – vede in cabina di regia Jessie Nelson, signora della macchina da presa (sposata col collega Bryan Gordon, veterano delle tv series) affezionata a un cinema sentimentale. E per sentimentale – ribadiamo come sempre – non si deve intendere romantico. Il sentimentale è la declinazione “discount” del romantico. Come peraltro raccontano alcune pellicole della Nostra, da “Storia di noi due” al terrificante “Nemiche Amiche”  fino al più digeribile (ma forse solo per la colonna sonora sulle note dei Beatles, e per la bravura di Sean Penn) “I Am Sam”. Affidansi a un cast stellare affollato di attori come John Goodman, Diane Keaton, Amanda Seyfried, Olivia Wilde, Ed Helms, Marisa Tomei e Alan Arkin, la Nelson ci racconta la cronaca di avvicinamento a una tradizionale Cena di Natale compiuta dai singoli componenti di una famiglia numerosa e complicata. Le ferite, le delusioni, gli scazzi, della grande famiglia Cooper dovrebbero coinvolgere lo spettatore, regalando la sensazione che ogni famiglia è a sé ma, ciò nondimeno, ogni famiglia può ritrovarsi in essa. Charlotte  (Keaton) è da molto tempo in fase di stanca con il marito Sam (Goodman): un viaggio mai fatto in gioventù ha minato alla base una relazione che ha marciato sicura solo fino a quando l’ultimo figlio non è cresciuto ed è uscito di casa. La bella figlia Eleanor (Wilde) non è più una ragazzina ma è ancora single, perché troppo chiede a sé stessa e agli altri, difendendosi dietro una scorza di cinismo e miscredenza su tutto. La sua sola priorità immediata è sopravvivere al cenone natalizio portando un fidanzato inventato (un aitante milite casualmente incontrato all’aeroporto), così da evitare prediche da parte di mamma Charlotte. C’è poi il nonno Bucky (Arkin) inconsolabile vedovo legatosi in sincera  amicizia trans-generazionale a una giovane e bella cameriera di nome Ruby (Seyfried). I Cooper continuano con il fratello di Eleanor, Hank (Helms), da poco separatosi e alle prese con un ruolo nuovo in famiglia. Non mancano bambini e ragazzini assortiti. E poi c’è la sorella zitella di Charlotte, Emma (Tomei), che è sempre vissuta in uno sfiancante vittimismo. La storia segue ognuno di loro, cercando di scandagliarne i lati luminosi e quelli oscuri, ambendo a regalare poesia, ottenendo solo buonismo da sbadiglio. L’operazione convince più negli suqarci narrativi drammatici e malinconici che in quelli della commedia e dei buoni sentimenti. Lo zucchero è sinceramente troppo.

Ferruccio Gattuso

Natale all’improvviso
Regia: Jessie Nelson
Cast:  John Goodman, Amanda Seyfried, Olivia Wilde
Distribuzione:  Notorious Pictures
Uscita nelle sale:  26 aprile
Voto: 5/10

nataleallimprovviso

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Pin It on Pinterest