Shade, ecco Truman: esce il nuovo disco. Il 20 novembre incontro in Mondadori Duomo

È un bel personaggio, Shade. Uno che nel rap game ci sta e fa dell’ironia un’arma per smarcarsi dal resto, da ciò che in tempi di ipersaturazione come questi gira intorno a lui. E il 16 novembre, per lui, è il giorno “X”, ovvero il giorno in cui esce il suo nuovo disco: Truman. Quello con cui cerca la consacrazione mainstream, dopo che col mainstream ci ha giocato eccome con singoli che – sul web e oltre il web – sono diventate delle vere e proprie hit. Per tutti, infatti, basterebbe ricordare “Bene, ma non benissimo”, tormentone utilizzato un po’ ovunque anche in tv, vera rampa di lancio per la svolta popolare. Lui, parlando con i giornalisti, non fa trasparire grande ansia da prestazione. Forse anche grazie al suo lavoro di doppiatore e alla sua indubbia inclinazione all’intrattenimento. Battuta sempre pronta in tasca e velocità di esecuzione, proprio come alcune performance sul disco e in freestyle, pratica che pare proprio continui ad amare.

Truman è poi un disco, che in più parti vira verso l’EDM e sonorità dance più accessibili, è anche un album che si vuole adulto e che si appoggia a diversi featuring, “nati in maniera naturale e ispirati dalla voce”, dice Shade. “Quello con Emma Muscat (su Figurati noi, il nuovo singolo: ndr) è arrivato perché ho pensato a lei come voce perfetta per il ritornello, perché ha un tiro molto internazionale, proprio come la produzione: in studio è stata bravissima, nonostante l’italiano non sia la sua lingua madre. Poi fa parte della mia stessa casa discografica, la Warner, e quindi è venuto facile. Ma tutti i featuring, molto diversi tra loro, hanno trovato coerenza nel disco”.

C’è un brano con J-Ax, uno col fratello Grido, con Federica Carta sulla già edita Irraggiungibile, Bouchra e Nitro. E su quest’ultimo si sono scatenati i fan, data una presunta rivalità con Shade risalente ai tempi della celebre sfida di freestyle a Mtv Spit nel 2013. Vinta da Shade. “Qualcuno si è stupito di vederci insieme, è vero. Quella è stata una sfida incredibile e non ci siamo risparmiati nei commenti e insulti. Ma noi siamo sempre rimasti amici, ci siamo sentiti sempre privatamente. La rivalità c’è ancora ma penso che lui sia il più bravo a scrivere e rappare. Il nostro pezzo – Le cose peggiori – è intimo e mi serviva una persona intima: l’abbiamo scritto insieme a casa sua, in totale amicizia. Nicola è un Truman, penso sia tra i più veri della scena”.

Ed ecco spiegato anche il titolo del disco. “Truman è nel film anche un gioco di parole, la sintesi tra true e man. L’unico personaggio vero in un film di finzione. È una cosa ambiziosa per me, ma mi piaceva giocare sul parallelismo: io vero in un mondo di persone finte. Non tutte, ovviamente”.

Tra queste annovera anche I fratelli J-Ax e Grido: “Sono cresciuto ascoltandoli. Ho chiamato J-Ax chiedendogli se avesse il piacere a fare un ritornello per me. Lui mi ha invece chiesto se poteva scrivere una strofa. E così è andata. Loro rimangono idoli per me”.

Poi c’è l’ironia, che per Shade ha un peso fondamentale: “Se non la prende con ironia uno con questa faccia”, dice ridendo di sé. “Anche quando ero solo Vito e non Shade ho sempre usato l’ironia, l’arma migliore per far vedere che le persone non ti possono ferire, anche se poi ti feriscono eccome”.

E infine ci sono i fan, che gli scrivono molti messaggi – “Generare emozioni emoziona anche me”, dice – e che lo attendono live. Prima però ci sarà un giro di instore che lo porterà al firmacopie al Mondadori Megastore in Duomo il 20 novembre alle 15. “La dimensione live è importantissima per me. È il momento della verità. Sono cresciuto nel mito di Ensi, Kaos One, Clementino. Gente che sa intrattenere. Io poi live mi diverto un sacco, ho passato momenti molto brutti nella mia vita ma sul palco tutto si spegneva ed ero la persona più felice del mondo. Anche facendo i i freestyle, una cosa che la gente percepisce tantissimo”.

Marco Castrovinci

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Pin It on Pinterest