Il Muro della gentilezza, lungo la facciata del Tempio del futuro perduto: in un anno donati oltre 10 tonnellate di indumenti usati

Oltre 10 tonnellate di indumenti usati, 400 coperte invernali, più di 13.000 libri e centinaia di giocattoli per bambini di tutte le età. A un anno dalla sua nascita sulla facciata esterna del Tempio del Futuro Perduto in via Luigi Nono a Milano, il Muro della gentilezza ha raccolto una quantità considerevole di doni da parte dei cittadini. Gli oggetti e i beni regalati, vengono restituiti alla collettività e resi disponibili soprattutto per le fasce di cittadinanza più bisognose o per associazioni che si occupano di supporto ai meno abbienti o che collaborano con missioni umanitarie internazionali.

“Nel corso del 2020 la risposta solidale dei milanesi è andata ad intensificarsi nonostante la pandemia – spiega Mariangela Vitale, segretaria di Nuovo Rinascimento, il collettivo di giovani che organizza e gestisce le attività culturali e solidali all’interno della struttura  – dando vita ad una raccolta che abbiamo avuto non poche difficoltà a gestire. Inizialmente erano principalmente senza fissa dimora, famiglie in stato di necessità e anziani a usufruire dei doni dei milanesi, poi, complice l’arrivo dell’emergenza Covid-19, sempre più famiglie da tutta Milano e hinterland  hanno iniziato a fare la fila per chiedere aiuto e sempre più donazioni sono arrivate spontaneamente: non abbiamo mai dovuto lanciare un appello o un invito a dare una mano, manifestazione del fatto che questa città ha un cuore immenso”.

Oltre agli indumenti, ai libri e ai giocattoli, sono stati raccolti: 26 passeggini, 200 confezioni di pannolini, decine di letti e materassi, oltre 4000 mascherine chirurgiche nuove, alcune biciclette, strumenti musicali, stampelle e carrozzine per anziani, estrattori di latte materno, posate e stoviglie, costumi di carnevale, lettori dvd e persino profumi ancora confezionati.

Numerose anche le associazioni attive sul territorio milanese che hanno dato una mano a catalogare e ridistribuire le donazioni durante l’anno, tra le quali Opera San Francesco, il Comitato case popolari Molise/Calvairate, Humana, Humanitas e Cascina Biblioteca. Il muro della gentilezza, attivo 24 ore su 24, consente a chiunque di lasciare e ritirare indumenti o oggetti direttamente dai ganci disposti lungo la parete. È possibile anche consegnare direttamente al civico 7 di via Luigi Nono dal lunedì al venerdì, tra le 10.30 e le 19.30, con il supporto dei volontari di Nuovo Rinascimento.

Articoli consigliati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Pin It on Pinterest